Gara ID4197

Bacino di affidamento n. 2. Servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani. Appalto verde.

Bando di gara

Generali
Tipo procedura: 
Genere: 
ID Gara: 
4197
Oggetto gara: 
Bacino di affidamento n. 2. Servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani. Appalto verde.
Importo complessivo: 
€ 388.121,36
Descrizione generale: 

Il Bando si riferisce all’assegnazione dei servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani nell’ambito del Bacino di affidamento n. 2, come individuato con la Deliberazione del Consiglio Metropolitano n. 22 dell'11 maggio 2016, di cui fanno parte i Comuni di: Bargagli, Carasco, Cicagna, Cogorno, Coreglia Ligure, Favale Di Malvaro, Leivi, Lorsica, Lumarzo, Moconesi, Neirone, Orero, S. Colombano Certenoli e Tribogna. Per la definizione dei Bacini di affidamento si rimanda a quanto a tal proposito definito nel “Piano Metropolitano in materia di ciclo dei rifiuti” approvato dal Consiglio Metropolitano in data 18 luglio 2018. In considerazione di ciò la procedura di gara prevederà l’affidamento del servizio per un lotto unico.

Lotti
Lotti: 
Genere: 
Lotto: 
Lotto 1
Amministrazione Aggiudicatrice: 
Città Metropolitana di Genova
Geolocalizzazione intervento: 
Comune di Bargagli
Comune di Carasco
Comune di Castiglione Chiavarese
Comune di Cicagna
Comune di Cogorno
Comune di Coreglia Ligure
Comune di Davagna
Comune di Favale di Malvaro
Comune di Fontanigorda
Comune di Leivi
Comune di Lumarzo
Comune di Moconesi
Comune di Neirone
Comune di Orero
Comune di San Colombano Certenoli
Criterio aggiudicazione: 
Offerta economicamente più vantaggiosa
Descrizione lotto: 
Bacino di affidamento n. 2. Servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani. Appalto verde.
Codice CIG: 
835330555A
Codice CPV: 
90510000-5
Importo lotto: 
€ 388.121,36
Nominativo RUP: 
Rossella Bardinu
Comunicazioni
Comunicazioni: 
Data comunicazione: 
06/07/2020 to 08/09/2020
Titolo comunicazione: 
Requisito di partecipazione Albo Gestori Ambientali
Descrizione comunicazione: 
Si rende noto che, in riferimento alle Condizioni di partecipazione di cui al punto III.1.1) Abilitazione all’esercizio dell’attività professionale, inclusi i requisiti relativi all'iscrizione nell'albo professionale o nel registro commerciale del Bando di gara, il requisito di cui al punto 2) (Abilitazione all’esercizio dell’attività professionale, inclusi i requisiti relativi all'iscrizione nell'albo professionale o nel registro commerciale), riporta erroneamente l’iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali ex art. 212 del D.Lgs. n. 152/2006, per la categoria e classe minimale: Categoria 1, Classe E (compresa attività di gestione dei centri di raccolta rifiuti urbani). Il requisito corretto ai fini della partecipazione alla procedura in oggetto è invece il possesso dell’iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali ex art. 212 del D.Lgs. n. 152/2006, per la seguente categoria e classe minimale: Categoria 1, Classe D (compresa attività di gestione dei centri di raccolta rifiuti urbani). Ci si scusa con l’inconveniente e si comunica al contempo di avere provveduto ad aggiornare i modelli di domanda.
Data comunicazione: 
25/08/2020
Titolo comunicazione: 
Centri di Raccolta comunali
Descrizione comunicazione: 
Si comunica che, nella sezione ALLEGATI è stato pubblicato il file relativo agli atti autorizzativi riferiti ai Centri di Raccolta dei Comuni di Cogorno e Leivi.
Data comunicazione: 
28/09/2020 to 30/11/2020
Titolo comunicazione: 
Elenco partecipanti
Descrizione comunicazione: 
Al termine della seduta di ammissione, svoltasi in forma riservata secondo le modalità riportate nel Bando di gara, è stato pubblicato, nella sezione ALLEGATI il documento riferito agli operatori economici che risultano avere provveduto a presentare regolare offerta sulla piattaforma SINTEL entro il termine previsto. La definitiva ammissione potrà avvenire solo a seguito dell'esame della documentazione prodotta dai partecipanti, di cui verrà data evidenza preliminarmente alla convocazione della seduta di apertura delle "buste" tecniche. Allo stato attuale, pertanto, TUTTE le offerte presentate sono da considerarsi "ammesse con riserva".
Data comunicazione: 
22/10/2020 to 30/11/2020
Titolo comunicazione: 
Ammissione Concorrente e Nomina Commissione Giudicatrice
Descrizione comunicazione: 
Si comunica che, nella Sezione "ALLEGATI", sono stati pubblicati: l'Atto Dirigenziale n. 1883 del 21 ottobre 2020 di Ammissione del Concorrente e di nomina della Commissione Giudicatrice unitamente ai C.V. dei commissari.
Punto di acquisto: 
Stazione Unica Appaltante

Chiarimenti

N. 11 del 21/08/2020 Domanda:

In riferimento alle indicazioni contenute nell’allegato 3, chiediamo di comunicare il numero di batterie posizionate presso la zona alta collinare e presso la zona bassa urbana.


Risposta:

Se per batterie si intendono i cassonetti, gli stessi sono rilevabili dalla cartografia on line accendendo e spegnendo i livelli

N. 10 del 21/08/2020 Domanda:

Ai sensi di quanto previsto all’articolo 26 del CSA è previsto che una delle due sedi sia dotata di impianto di lavaggio dei mezzi, chiediamo di confermare la possibilità di eseguire tale attività di lavaggio presso un impianto di proprietà di soggetti terzi


Risposta:

L’attività di lavaggio dei mezzi potrà essere effettuata presso un impianto di proprietà di soggetti terzi previa presentazione di un contratto ad hoc.

N. 9 del 21/08/2020 Domanda:

Ai sensi di quanto previsto nell’allegato 13 l’appaltatore ha l’obbligo di acquistare un mezzo tre assi, immatricolato nel 2006. Chiediamo di chiarire che l’impiego di tale mezzo sarà comunque consentito
per l’intera durata del contratto anche in deroga alla disposizione di cui all’articolo 21 del CSA che prevede che, dopo 3 mesi dall’avvio, dovranno essere utilizzati solo mezzi immatricolati in data successiva al 01-01-2012;


Risposta:

In riferimento al mezzo in questione non dovrà applicarsi l’obbligo di cui all’art. 21 del Capitolato Speciale d’Oneri

N. 8 del 14/08/2020 Domanda:

Si chiedono chiarimenti rispetto a quanto inserito all’interno dell’Allegato 3 (Schede tecniche servizi), in particolare circa la modalità di raccolta della frazione secca residua, che il CSA richieda venga effettuata tramite sacchi dotati di transponder. Si evidenzia infatti che nell’ultima colonna della tabella dell’Allegato 3 viene riportata la seguente dicitura: “L'utente provvede a conferire i sacchi con transponder presso i bidoni dislocati sul suolo pubblico. Il bidone è posizionato presso isole ecologiche di prossimità. I bidoni devono essere apribili solo con chiave personalizzata per zone.” Si chiede conferma che si tratti di un refuso, in quanto i sacchi con transponder devono essere considerati come alternativi al bidone con chiave personalizzata (o a bidoni con transponder) e le due modalità di raccolta (sacchi con transponder e bidoni) non possono essere considerate come “cumulative”. La lettura dei transponder sui sacchi potrebbe non essere in tal modo garantita.


Risposta:

Si tratta di una specifica richiesta avanzata dalle Amministrazioni aderenti in fase di predisposizione della documentazione di gara. Nella prima fase si è espressa la volontà che l'utenza conferisca comunque su contenitori chiusi a chiave, utilizzando il dato rilevato dai trasponder solo a fini statistici con un eventuale passaggio a tariffa puntuale dopo qualche anno. Tale posizione è stata concordata al fine di limitare il rischio di trovare sacchi rotti e rifiuti sparsi a causa delle incursioni da parte degli animali selvatici che nel territorio dell’intero bacino sono particolarmente diffusi.

N. 7 del 11/08/2020 Domanda:

In riferimento alla procedura ad evidenza pubblica per l’affidamento del servizio in oggetto rispetto all’allegato 11 si chiede di chiarire:
D1. Dove sono indicati i 26 giorni mese si intende un contratto full time;
D2. Per tutti gli addetti indicati sui vari comuni comunque sono stati inseriti una sola volta nel presente elenco;
D3. Il personale in elenco è relativo solo alle attività riportate nella presente procedura di gara;
D4. Cogorno, cosa si intende per 2 addetti a scavalco Ditta Cuneo, sono aggiuntivi o già all’interno dell’elenco;
D5. Cogorno il contratto 3L per quante ore settimanali;
D6. Leivi, Lumarzo, Tribogna e Bargagli si chiede conferma che per i contratti indicati le ore siano mensili. Ne risulta uno addirittura per 2 ore al mese.
D7. Bargagli si indica addetto per n 1,38 si chiedono spiegazioni a riguardo.
D8. Gli attuali impianti di destino delle diverse frazioni di rifiuto ed in particolare l’attuale impianto di destino della frazione RSU;
D9. I dati relativi al numero dei viaggi dai Centri di Raccolta comunale agli impianti di destino, effettuati nel 2019 e negli anni precedenti per ogni CER trasportato;
D.10. Quantità, tipologia, volumetria e dislocazione sul territorio comunale dei contenitori attualmente adibiti alla raccolta dei rifiuti. Si chiede a tal riguardo di confermare chele attività di rimozione e smaltimento di tali contenitori non sono comprese nel servizio oggetto di affidamento;
D11. Se la Vostra amministrazione, o l’attuale gestore del servizio, abbiano in essere convenzioni con i consorzi CONAI per il recupero dei materiali raccolti e in tal caso per quali tipologie di materiale;


Risposta:

R1 AFFERMATIVO Si conferma che quando vengono indicati 26 giorni/mese si deve intendere un contratto full time.
R2 AFFERMATIVO Si conferma che gli addetti indicati nell’elenco sono riportati una sola volta anche se in servizio in più comuni.
R3. AFFERMATIVO Si conferma che l’elenco si riferisce al personale in servizio per le sole attività oggetto della procedura.
R4. Trattasi di addetti che non lavorano a tempo pieno per Cogorno e dei quali non si hanno dati ulteriori
R5. Il dato non ci è stato precisato dalla Ditta e pertanto non è disponibile
R6. Si confermano le ore indicate
R7. Deve intendersi 1 a tempo pieno più stima scorta per ferie e sostituzioni
R8. L’impianto attualmente in uso per il conferimento della frazione secca (RSU) è l’impianto del Consorzio Rio Marsiglia. La frazione umida, stante l’indisponibilità dell’impianto del Consorzio Rio Marsiglia, viene invece attualmente conferita presso l’impianto di AMIU GENOVA SPA nelle aree autorizzate nel Comune di Genova (C.so Perrone e/o Volpara)
R9. Il dato richiesto non è disponibile. In ogni caso spetta al Concorrente sviluppare le dovute valutazioni
R10. I dati disponibili sono stati forniti con la documentazione di gara. Il concorrente deve procedere ai necessari sopralluoghi per le valutazioni del caso. La rimozione dei contenitori ed il loro smaltimento è a carico dell’appaltatore
R11. I dati disponibili sono stati forniti con i documenti di gara e si rimanda in particolare a quanto previsto all’art. 18 del Capitolato

N. 6 del 24/07/2020 Domanda:

Si chiede di chiarire se l'impianto di destino della frazione "legno" sia stabilita e indicata dalla Stazione Appaltante (e il relativo costo di smaltimento rimanga quindi a carico delle Amministrazioni Comunali) oppure se la scelta ricada sull'Appaltatore (e il relativo costo di smaltimento sia compreso nel canone d’appalto).


Risposta:

Si rimanda a quanto riportato all’Art. 7 del Capitolato che, a tale proopsito, recita: “l’Appaltatore è libero di collocare in autonomia tutti i materiali provenienti dalla raccolta differenziata, in quanto oggetto di delega, e godere degli eventuali profitti secondo le forme concordate con le Amministrazioni stesse, ovvero oneri, senza nulla a che pretendere per costi di selezione e trasporto”.

N. 5 del 24/07/2020 Domanda:

Si chiede di rendere accessibile il link della cartografia di Bargagli, riportato all'interno dell'Allegato 6 di gara e relativo alla dislocazione attuale delle attrezzature.


Risposta:

Il link dovrebbe essere adesso accessibile.

N. 4 del 24/07/2020 Domanda:

Si chiedono chiarimenti circa il numero di forniture da acquistare per ogni Comune, in quanto i dati riportati nell’Allegato 5 sono differenti da quelli dell’art. 23 del CSA. Si chiede in particolare:
• Se la colonna «numero inizio appalto» riportata nell’Allegato 5 del CSA riporti i quantitativi da fornire all’inizio dell’appalto;
• Se la colonna «numero appalto» riportata nell’Allegato 5 del CSA riporti i quantitativi da fornire annualmente, nel caso in cui venisse attivata la proroga contrattuale;
• Se il numero di cassoni scarrabili da posizionare presso il centro di raccolta sia quello indicato nell’Allegato 4 (cassoni da 20 mc; n. 4 per il Centro di Corogno e n. 5 per il Centro di Leivi) o quello indicato
nell’Allegato 10 (cassoni da 25 mc; n. 5 per il Centro di Corogno e n. 7 per il Centro di Leivi).
• Se i «sacchi con trasponder da lt.60» devono essere forniti in tutti i Comuni e in quali quantitativi, in quanto i numeri riportati nell’Allegato 5 (n. 652.000 per il primo anno e n. 727.000) per gli anni successivi sono differenti da quanto calcolabile secondo quanto indicato nell’art. 23 del CSA (n. 745.272 + 5% di scorta = 782.535).
•Se le «biopattumiere sottolavello 10 lt» siano da fornire alle utenze, in quanto non sono riportate nel prospetto dell’Allegato 5 ma sono indicate nell’art. 23 del CSA.


Risposta:

• La colonna «numero inizio appalto» riportata nell’Allegato 5 del CSA riporta i quantitativi da fornire all’inizio dell’appalto.
• La colonna «numero appalto» riportata nell’Allegato 5 del CSA riporta i quantitativi da fornire annualmente, nel caso in cui venisse attivata la proroga contrattuale.
• Il numero di cassoni scarrabili da posizionare presso il centro di raccolta è quello indicato nell’Allegato 10 (cassoni da 25 mc; n. 5 per il Centro di Cogorno e n. 7 per il Centro di Leivi).
• Per quanto concerne i «sacchi con trasponder da lt.60» che devono essere forniti in tutti i Comuni si deve fare riferimento a quanto riportato nell’Allegato 5.
• Per quanto concerne le «biopattumiere sottolavello 10 lt» si deve fare riferimento a quanto riportato nell’Allegato 5.

N. 3 del 24/07/2020 Domanda:

Si chiede di allegare alla documentazione di gara i seguenti dettagli inerenti al personale attualmente impegnato nei servizi: inquadramento contrattuale, mansione, livello, retribuzione annua lorda, tempo
determinato/indeterminato, patente di guida, assunzioni ex lege 68, situazioni individuali in materia di malattia e infortunio, eventuali limitazioni fisiche per lo svolgimento di determinate attività.


Risposta:

Abbiamo provveduto a richiedere i dati mancanti alle amministrazioni aderenti all’Accordo Quadro. Saranno disponibili quanto prima sulla piattaforma SINTEL e sul portale SUA.

N. 2 del 24/07/2020 Domanda:

Si chiede di pubblicare i quantitativi di rifiuti prodotti per i singoli Comuni nell’anno 2019 (o, al più, 2018), distinti per codice CER e comprese le frazioni conferite ai Centri di Raccolta. I dati riportati nell’Allegato 1 sono relativi agli anni 2014/2015.


Risposta:

Nella sezione “Allegati” del portale della Stazione Appaltante e nella sezione “Documentazione di gara” della piattaforma SINTEL, in riferimento alla procedura di gara di cui trattasi, è stata inserita la Deliberazione di Giunta Regionale della Liguria n. 506 del 21/06/2019 relativa ai dati sulla raccolta differenziata e sul riciclaggio per l’anno 2018.

N. 1 del 24/07/2020 Domanda:

Si chiede di chiarire se il Furgone Iveco targato DA321LX (la cui carta di circolazione è riportata all’interno del file «allegati_ID.4197_ALLEGATO 13»):
• potrà essere impiegato dall’Appaltatore per lo svolgimento dei servizi;
• dovrà essere impiegato dall’Appaltatore per lo svolgimento dei servizi;
• (eventualmente) a che titolo sarà rilevato dall’Appaltatore;
• dovrà essere considerato nel prospetto del Modello C.1 da inserire nell’offerta matematica.


Risposta:

• il mezzo targato DA321LX potrà essere impiegato nello svolgimento dei servizi a discrezione dell’Appaltatore;
• il mezzo deve essere acquistato dall’Appaltatore;
• il mezzo targato DA321LX NON deve essere considerato nel prospetto del modello C.1 da inserire nell’offerta matematica.